1-galassieArticolo di Wallace Thornhill, pubblicato il 06 Settembre 2009 sul sito “www.holoscience.com”, titolo originale  “The simple electric universe”
Da sempre, è un problema indirizzare l’attenzione del pubblico alla conoscenza della teoria dell’Universo Elettrico, visto che i media prediligono il Big Bang e la sua fantascientifica visione dell’Universo. Per il bene della scienza, spero che il Big Bang non sia stato scoperto, ma inventato dai matematici, su proposta di George Lamaitre, sacerdote cattolico ed astronomo belga, il quale attribuiva l’origine dell’Universo all’esplosione (Big Bang) di un “atomo primordiale” o “uovo cosmico”.

Per la cosmologia del Plasma, la teoria del Big Bang non è realistica e sfida i principi stessi della fisica, soprattutto quando afferma che la maggior parte della materia nell’Universo non è visibile (materia oscura), e che i “buchi neri” (vere e proprie assurdità matematiche) caratterizzano le galassie. Fred Hoyle credeva che una sola, di solito semplice osservazione, potesse screditare un pregiudizio affermato come il Big Bang.

Ma quando la scienza perde il dominio della logica, e prevalgono teorie come il Big Bang, qualsiasi osservazione scientifica è in totale balia  della strumentalizzazione.
La statunitense “Associazione degli Ingegneri Elettrici ed Elettronici” (IEEE), riconosce la cosmologia del plasma o teoria dell’Universo Elettrico come disciplina dell’ingegneria elettrica, e  attraverso le osservazioni astronomiche ne studia la dinamica; relazioni e temi specifici sulla cosmologia del plasma, sono pubblicati nella rivista dell’IEEE “Transaction on Plasma Science”, le cui discussioni ricordano molto le riviste scientifiche di un secolo fa, quando la cultura non era monotematica come ai giorni nostri.
Un mio articolo sulla natura elettrica delle supernova è stato pubblicato nel 2007 (è interessante notare come gli astronomi del Big Bang, ne abbiano volutamente travisato il senso, ad esempio sulla natura dei colori e la luminosità delle stelle, come si nota nel diagramma di Hezsprung/Russel (vedi immagine), dove destra e sinistra sono invertiti, così da rendere difficile stabilire un nesso, tra l’altro evidente, tra la potenza elettrica proveniente da una stella, il suo colore, le dimensioni e la luminosità).
A differenza della cosmologia del Big Bang, la cosmologia del plasma è soggetta a prove sperimentali in laboratorio, è in grado di dimostrare con semplici principi fisici la formazione elettrica ed il comportamento delle galassie a spirale e delle stelle, senza  ricorrere ad un’ipotetica materia oscura e buchi neri.
H-R_diagramQuasi tutto l’Universo visibile è composto da plasma, un gas in cui alcuni atomi hanno perso un elettrone o due. Tuttavia, a differenza dei gas che ci sono familiari sulla Terra , il plasma, essendo un ottimo conduttore reagisce fortemente alla presenza di campi elettromagnetici. Il suo comportamento è talmente staordinario da farlo ritenere “vivente”, connotazione che riteniamo fondamentale per il “nostro” Universo Elettrico.

L’Universo non è vuoto, nello spazio scorrono fiumi di correnti elettriche, ed i campi magnetici rivelati, possono essere generati solo da queste; i radiotelescopi quando elaborano le mappe galattiche dei campi magnetici, non fanno che confermare quanto già riscontrato dai cosmologi del plasma negli esperimenti di laboratorio. Basterebbe questa constatazione, per far accorrere gli astrofisici del Big Bang, nei laboratori di fisica del plasma.
Ma questi matematici teorici, quali gli astrofisici sono, scontano la super specializzazione della loro professione. Lo storico Jaques Barzum definì la specializzazione come “ una sorta di etichetta che decreta, che nessun specialista deve perdere tempo con gli impegni di un altro, per non essere considerato intruso o ignorante”.
La specializzazione è nata da ciò che il filosofo Arthur Balfour, nel libro “Scienza: il divertimento glorioso”, ha chiamato la Dottrina Perniciosa, nella quale, “…la conoscenza superficiale è peggio di non essere a conoscenza di nulla. La specializzazione dilagante, puro ed arbitrario male sociale, non è riconosciuta per lo spirito aspro che rappresenta, e pochi hanno il coraggio di dire che, ritagliarsi un piccolo dominio ed esaurire le offerte losche, è una chance d’irresponsabilità, protetta dal rigore scientifico”.
Eric Lerner, cosmologo, autore de “Il Big Bang non c’è mai stato”, afferma che “uno degli aspetti più distruttivi della metodologia del Big Bang è sostenere l’idea, che solo le persone ferrate in una matematica estremamente complessa, sono in grado di capire l’Universo, questo per  affermare che non riuscire a capire, denota  stupidità o incompetenza”.
La cosmologia è in questo momento, una contrapposizione, tra la visione metafisica del Big Bang sostenuta dagli astrofisici relativisti, e la visione dell’Universo Elettrico proposto dagli ingegneri, legata alla semplicità del mondo reale. Tutto ruota attorno al quesito se esiste o meno elettricità nello spazio; i sostenitori del Big Bang lo negano, i cosmologi del plasma lo sostengono.
I ricercatori impegnati nella divulgazione della Teoria dell’Universo Elettrico stanno cercando, in questo modo, di realizzare una “rivoluzione scientifica”, che hanno chiamato “rivoluzione elettrica”. Così come quella copernicana, la rivoluzione dell’Universo Elettrico avrà conseguenze sociali e scientifiche di vasta portata.
La storia dimostrerà che la cosmologia del Big Bang è uno sfortunato incidente, originatosi all’inizio del XX secolo, quando Albert Einstein (1905) concepì l’Universo come un oggetto vuoto dominato dalla gravità e in grado di essere deformato, a cui qualche decennio più tardi, si aggiunse una fantasiosa interpretazione dei “redshift” extragalattici; da queste due confuse visioni nacque il concetto dell’universo in espansione.
La teoria del Big Bang è una costante sfida ai principi della fisica, a cominciare dalla creazione di materia dal nulla, passando per l’impossibilità di osservare questa materia (oscura), per finire all’espansione e all’età dell’universo.
Gerrit Verschuur è un radio astronomo, è stato direttore del Planetario Fiske presso l’Università del Colorado, conosce l’importanza della radio astronomia quale strumento per la mappatura dei circuiti cosmici in un Universo Elettrico.
L’arroganza dei cosmologi del Big Bang è impressionante, soprattutto quando pretendono di spiegare fenomeni fisici, attraverso delle sole equazioni matematiche, non riuscendo poi a dare un’esauriente spiegazione dei concetti quali massa, gravità,  magnetismo e luce.
E’ dalla fine del XIX secolo che ricercatori ed ingegneri, attraverso la comprensione dei fenomeni elettrici nelle lampade ad arco, nelle saldatrici, nei tubi sotto vuoto, nelle macchine per le lavorazioni industriali e negli esperimenti ad altissima energia presso i laboratori di Los Alamos e Sandia, per primi hanno visto impressionanti analogie con i fenomeni astronomici, a cominciare dalle aurore boreali.
Kristian Birkeland, norvegese, agli inizi del XX secolo, riuscì a riprodurre le caratteristiche di aurore, macchie solari, comete, attraverso esperimenti durante i quali associò magnetismo e correnti elettriche, che lui ipotizzò scorressero tra Sole e Terra (come fu poi confermato); e proprio alle correnti elettriche galattiche è stato dato il suo nome (correnti di Birkeland).
electric-dischargeFondamentale fu la sua scoperta sull’origine remota (centro delle galassie) delle correnti elettriche che pervadono l’universo. E’ fondamentalmente lo stesso meccanismo che usiamo sulla Terra per illuminare le città.

Hannes Alfvén, svedese, premio nobel per la fisica 1970, uno degli artefici della cosmologia del plasma, ipotizzò un universo percorso da correnti elettriche, già negli anni 30 del XX secolo durante  le sue ricerche sul plasma e sui raggi cosmici; ricerche regolarmente ignorate dagli astronomi.
L’atmosfera terreste è un ambiente particolare, in cui il plasma non si trova in forma naturale, tranne che nei fulmini e nelle aurore; nello spazio invece è proprio questa la forma dominante, e siccome il plasma pervade l’universo, è più corretto definirlo “lo stato fondamentale della materia”.
Lo “stato di plasma” è una condizione fisica nella quale si riscontrano fenomeni di ionizzazione, cioè presenza di cariche elettriche positive o negative, ed è proprio la ionizzazione ed i fenomeni elettromagneti ad essa correlati a decretare l’inattendibilità delle forze meccaniche gravitazionali quali fondamenti per la dinamica dell’universo, in virtù della minore intensità di azione reciproca.
Una delle caratteristiche dello stato di plasma dell’universo, è la presenza di “filamenti” dovuti alle strizioni delle correnti elettriche.
L’universo nella sua apparente complessità, cela un funzionamento semplice; l’elettromagnetismo è la base di questa semplicità. Dalle strutture sub-atomiche ai super ammassi galattici, l’elettricità è la forza dominante. Per la sua semplicità, l’universo elettrico si presta ad essere inserito nei cicli didattici, fin dalle scuole medie.
E’ l’ora di un’altra veduta astronomica, l’universo elettrico mira a liberarci dal guscio metafisico del Big Bang, e presentarci l’universo quale esso è nella realtà, il nostro futuro dipende dalla conquista di questa realtà.
Traduzione di Mario Zulian.
Testo adattato da  Marco Saccenti.

Post correlati

4 Risposte

  1. Marco Saccenti

    @ Paolo Villani

    Giustissimo quello che affermi! Purtroppo negli ultimi 120 anni la matematica si è impossessata della fisica prima e dell’astrofisic a poi e ha trasformato queste branche della scienza in virtualizzazion e assoluta, in metafisica, in discipline che trascendono la realtà.
    La Cosmologia del plasma è l’unica teoria che coniuga osservazione con esperimenti di laboratorio, in virtù del principio che ne è alla base e che considera l’elettromagnet ismo il motore dell’universo e non la gravità. La scalabilità delle forze elettrodinamich e che modellano le galassie, la loro forma a spirale ad esempio, è perfettamente riproducibile nei laboratori di fisica del plasma, come molti esperimenti hanno confermato, e anche se la cosmologia ufficiale li ignora, portano un innegabile contributo all’infondatezz a della teoria del Big Bang e alla Relatività.
    Così come l’osservazione di alcune fenomenologie stellari, quelle ad esempio che riguardano la galassia NGC 4258 dove due quasar (che sono potentissime sorgenti di raggi X), inequivocabilme nte collegate da getti di materia (gas stellare) alla galassia madre, così da renderle senza ombra di dubbio legate e nate dalla galassia stessa, hanno un redshift completamente differente da quello della galassia. Ricordo che i “redshift” secondo la cosmologia ortodossa, sono la manifestazione del reciproco allontanamento delle galassie tra di loro in relazione all’ipotesi che vuole l’universo nato 15 miliardi di anni fa da una immane esplosione, così come recita la teoria del Big Bang. I redshift misurano infatti lo spostamento verso il rosso dello spettro di emissione della luce di stelle e galassie, e secondo la legge di Hubble più la luce è debole, quindi più lontano è un oggetto più lo spettro di emissione è spostato verso l’infrarosso. Ma sotto i nostri occhi, come ha scoperto il cosmologo Halton Arp, i quasar di NGC 4258 e di altre galassie, confermano che i redshift invece rappresentano “lo stato peculiare della materia” o più semplicemente la loro età, smentendo così palesemente il mito di un universo in espansione.
    La materia oscura, i buchi neri, le corde gravitazionali, l’energia oscura, e tutto quanto l’ortodossia cosmologica dice esistere ma non essere visibile, percorso necessario per puntellare le sempre più traballanti teorie ufficiali, si rivela essere sono una dichiarazione di sconfitta da parte di una scienza sempre più in balia dei matematici e dei loro videogiochi galattici.

    Rispondi
  2. Paolo Villani

    UNO dei dogmi della fisica e’ che quello che non si puo’ osservare non esiste quindi la materia oscura e’ solo un artificio matematico. E’necessario che la cosmologia parts da esperimenti.

    Rispondi
  3. Marco Saccenti

    @ Andrea

    Sinceramente non capisco se questo intervento sia una provocazione, o la palese manifestazione di ignoranza arrogante, condita con una assoluta mancanza di vergogna per le stupidaggini dette.
    Il senso dell’articolo è chiaro, e può anche essere non condivisibile, se non si accetta la visione di un Universo elettrico; ma affermare che la gravitazione e la fisica del plasma sono due campi diversi della fisica, urta irrimediabilmen te “il comune senso del pudore”.

    Primo, perché la gravitazione a differenza della fisica del plasma, non è una disciplina, ma una manifestazione di effetti della fisica stessa.

    Secondo, perché affermare che esistono campi specifici della fisica (quali ??) che combinano in modo meraviglioso la fisica del plasma ed il Big Bang (buchi neri , ecc.), vuol dire non sapere di che cosa si sta parlando, ma soprattutto non aver capito nulla dell’articolo.
    Per cui ti invito, per i prossimi interventi, a leggere con più attenzione gli articoli, per capirne il significato, anche se non lo si condivide, onde evitare forzature, incongruenze e banalità.

    Marco Saccenti

    Rispondi
  4. Andrea

    Salve, comprendo bene che questo mio commento arriva parecchio in ritardo rispetto alla pubblicazione del post, e quindi probabilmente non sarà letto da nessuno. La mia obiezione, all’articolo originale (dal momento che questa è soltanto una traduzione, spero accurata), consiste nel fatto che la cosmologia e la fisica del plasma non sono in contrasto. La gravitazione e la fisica del plasma sono campi della fisica diversi, che descrivono fenomeni diversi, ma non si escludono l’una con l’altra. Per comprendere bene la dinamica dell’universo e degli oggetti che ci stanno dentro bisognerebbe conoscere entrambe le cose, e ci sono campi specifici della cosmologia che le combinano in modo meraviglioso (la fisica delle galassie, dei buchi neri, dei dischi di accrescimento e dei gamma ray burst). Quindi, secondo me, bisogna informarsi un po’ prima di fare affermazioni del genere, altrimenti si perde di credibilità.
    Con questo non voglio peccare di presunzione, dal momento che io stesso non sono un esperto di cosmologia.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata