Camaleonti_002Gerusalemme in valle Bormida e le parentele segrete da Giacomo Leopardi a Walt Disney con i capi della rivoluzione russa e del fascismo italiano

400 pagine, copertina morbida, formato 15×23
Scheda del libro sul sito “Il mio libro” (con possibilita’ di acquisto online e spedizione in tutta Italia)

Questo libro non e’ un romanzo. Mi sono astenuto dall’arricchire con invenzioni letterarie quello che si presenta in tutta la sua enormita’ come uno dei piu’ grandi intrecci storici che da secoli, anzi da millenni, avvolge ogni possibilita’ di conoscenza nella sua nebbia in cui tutte le ruminazioni appaiono indistinte, con tale grigiore che impedisce ai raggi di luce cognitiva di illuminare gli eventi che furono. E’ il tentativo di delineare alcune linee precise che possano portare ordinatamente alla luce eventi che si perdono nel caotico moltiplicarsi di identita’ fittizie, spionaggio e controspionaggio, doppiogiochismi, triplogiochismi, falsita’ e menzogne che assurgono a verita’ ufficiali, cupole parallele e sovrapposte come matrioske russe, socialismo rivoluzionario, complotti giudaici, massonici, comunisti, trasformismo, revisionismo, relazioni assolute e assolutismi relativi… e che altro ancora?
La prima parte del libro svela l’eclatante e sorprendente centralità della penisola italica nella storia e nella mitologia planetaria, soffermandosi sull’importanza fondamentale della langa di Cairo Montenotte e del fiume Bormida. Successivamente vengono evidenziate le identita’ multiple e le parentele segrete con le famiglie di Cairo Montenotte, Brovida e Santa Giulia di personaggi molto famosi (tra cui Giacomo Leopardi, Leone Tolstoi, Rosa Luxemburg, Lenin, Stalin, Benito Mussolini, Evita Peron, Walt Disney e altri ancora) che ben conoscevano tale realta’ e che hanno fatto parte di un’organizzazione rivoluzionaria i cui tentacoli si sono ramificati ovunque.

Mario Risani

Indice del libro

  • Preizi, l’occhio delle Alpi
  • La notte egizia e la biblica Eva
  • Il serpente e la bocca
  • Il piede
  • Paleolitico europeo
  • Acqui Terme
  • Paralleli e meridiani
  • Fegato di pecora e mappa etrusca
  • Mappa babilonese
  • Incisioni del monte Bego
  • Il barutu
  • Camaleonti_005Genesi biblica
  • Il frutto proibito
  • L’albero della conoscenza
  • Il cherubino con la spada
  • La vigna di Noe’
  • Geografia circolare dei sedici nipoti di Noe’
  • Discendenza di Sem e fiume Po
  • Abramo in Piemonte
  • Iscrizione di Busca
  • Il fiume Giordano
  • Tavola peutingeriana
  • Israele tra Tanaro e Scrivia
  • Caristo e il 666 dell’Apocalisse
  • Violazioni, manomissioni, spostamenti
  • Preizi, il monte degli ulivi
  • Gesù nell’orto dei Getsemani
  • Carnovale e Vignaroli
  • Sallechet, porta del tempio di Salomone
  • Braia e Praetorium romano
  • Calvario e bric della Croce
  • Ville di Cairo
  • Il bric Chiappera e il bric Cavaira
  • Giovanni Arascione
  • Rosa Luxemburg
  • Angelina Mippa
  • La famiglia Franceschini di Cologna Veneta
  • Rosa Luxemburg e Leo Jogiches
  • Benedetto Franceschini, figlio di Erminia Leopardi
  • Angela Italia Libera Guerra
  • Giuseppe Rende
  • Pietro Francesco Franceschini
  • Francesco Amilcare Dupanloup
  • La famiglia Buffa di Cairo Montenotte
  • Emma Dal Pian alias Inessa Stephane
  • La famiglia Danesin
  • La famiglia Perin
  • Angelo Mazzon
  • Pietro Marsich
  • Leonid Kannegiesser
  • I guanti di Angelo Mazzon
  • Le identita’ di Angelo Mazzon
  • Francesco Giunta
  • La famiglia Mazzon
  • Alexander Scriabin alias Alexander Ulianov
  • La famiglia Zetkin
  • Clara Eisner
  • Ulianov, Olivieri, Mussolini, Zetkin
  • La famiglia Mussolini
  • Arnaldo Mussolini
  • Camaleonti_007Benito Mussolini
  • La famiglia Oddone di Rossiglione
  • Sacro Romano Impero
  • Ines Oddone
  • Oddone, Krupskaia, Olivieri
  • Giovanni Bitelli
  • Lenin e la famiglia Armand
  • Cairo Montenotte, via Della Valle
  • Amalia Ciafer con la moglie di Lenin
  • Truscelli, Humbert-Droz
  • Il romanzo di Giuseppe Cesare Abba
  • La famiglia Stallani
  • Stallani e Clara Eisner
  • Vittorio Alfieri e la dinastia Stuart
  • Clementina
  • Vittorio Alfieri e la massoneria
  • Giacomo Leopardi alias Pietro Giacchello
  • Da Cosseria ai Boschi di Santa Giulia
  • I venti figli di Pietro Giacchello
  • Francesco Astesiano
  • Bonini, Lafontaine
  • Battenberg, Arredondo, Risani
  • Placido Risani e Francesco Risi
  • Bonini, Battenberg
  • Leone Tolstoi e Valeria Arseneva
  • Sofia
  • La nascita dei due gemelli
  • La famiglia Ferraris
  • La cascina Preizi di Santa Giulia
  • Luigi Astesiano alias Nicola Bucharin
  • Caterina Risani alias Anna Larina
  • Giulia Astesiano
  • Quinta elementare della frazione Monti (1952)
  • Cesare Brin
  • La famiglia Baldo detta Buggiarin
  • La famiglia Pera di Pian del Lago
  • Pera Filippo (Pflip) detto Giuppe (Gip)
  • La famiglia Giroso di Brovida
  • Placido Risani sposa Maddalena Olivieri
  • Maddalena Olivieri alias Flora Call
  • Placido Risani alias Elias Disney
  • Angela Risani alias Ruth Disney
  • Mickey Risani alias Walt Disney
  • I fratelli di Walt Disney
  • Giuseppe Scalla
  • Amedeo Toribio
  • Giorgio Carlo Dogliotti sposa Clara
  • Dogliotti di Santa Giulia
  • Avelino Arredondo uccide il presidente
  • GADU massonico e Gado’ di Santa Giulia
  • La cascina Bonini di Santa Giulia
  • La famiglia Risani
  • Pian della Seta
  • Pian della Rocchetta (Buggiarin)
  • Charles Dogliaty
  • Mario Dogliotti, tipografo anarchico
  • Francesco Dogliotti a Piangheria
  • Jose’ Dematteis di Pian della Seta
  • Osvaldo Dematteis
  • Luis alias Lorenzo Beria
  • La moglie di Walt Disney
  • Luis alias Mario Sani
  • Giuseppe Risani e Giuseppe Negro
  • La famiglia Negro di Santa Giulia
  • Giuseppe Ilione e Giuseppe Foranio
  • La famiglie Fornaro e Foranio
  • Giuseppe alias Giuseppe Cambareri
  • La claudicante Entità X
  • Arnold Krumm Heller
  • Benedetto Cerruti a Santa Giulia
  • La moglie di Benedetto Cerruti
  • Luis Bonini in Argentina
  • La fidanzata di Julio Bonini
  • Julio Bonini alias Walt Disney
  • Il quadrumviro Michele Bianchi
  • Anastas Mikoyan
  • I fratelli Sayre
  • La figlia del presidente Wilson
  • Jenny Perret, moglie di Luis
  • La moglie di Stalin a Santa Giulia
  • Placido Risani viene dichiarato morto
  • John Catto’ e sua moglie Josephine
  • Ercolina Ercole alias Nadia Allilueva
  • Messaggio segreto da Buenos Aires
  • Giacomo Molinari in Argentina
  • La famiglia Molinari
  • La prima guerra mondiale
  • Antonio Chiarlone e Adolfo Taretto
  • La famiglia Taretto di Santa Giulia
  • La famiglia Bozzolasco di Santa Giulia
  • Gironima Risani sposa Pietro Bozzolasco
  • Marco Bozzolasco e Michele Bozzolasco
  • Giulio Risani e Adolfo Taretto
  • La bomba atomica
  • Partigiani ai Gruppi di Santa Giulia
  • Rosa Felicita Giacchello
  • Luis Benito Cerrutti Costa
  • Il generale Eduardo Senorans
  • Giovanni Battista Gardella
  • Maddalena Maria Gabriella Gardella (Lina)
  • Luis in Vietnam
  • Luis alias Zelig
  • La banda dell’Ortica
  • Juan Domingo Peron
  • Evita, figlia di Julia Pera
  • Marco Ciocchino Pera alias Joachin
  • La famiglia Bonino di Santa Giulia
  • La famiglia Degianne di Brovida
  • Angela Pincetti e la famiglia Astesiano
  • La famiglia Sugliano di Santa Giulia
  • La famiglia Ciocca di Piandolo
  • La famiglia Pera dei Monti
  • Theo Dittel
  • La famiglia Santero di Piandolo
  • La famiglia Coccino dei Monti
  • La famiglia Berretta dei Gadolini
  • La famiglia Cerruti
  • La famiglia Giribaldo
  • La famiglia Giroso
  • La famiglia Dematteis della Carazza
  • La famiglia Dematteis di Pian della Canapa
  • La famiglia Dematteis dei Boschi
  • La famiglia Dematteis di Pian della Seta
  • Gli amici di Avelino Arredondo
  • La famiglia Bonino dei Bonini
  • La famiglia Gallo di Santa Giulia
  • La famiglia Ferraro di Sanvarezzo
  • La famiglia Astesiano di Sanvarezzo
  • I primi Bracco a Sanvarezzo
  • La famiglia Serra di Sanvarezzo
  • Discendenti dei Bracco
  • La famiglia Brero di Noceto
  • La famiglia Viglino di Santa Giulia
  • Altre famiglie Astesiano di Brovida e Santa Giulia
  • La famiglia Sartoris di Brovida
  • La famiglia Brero del bric Palmolari
  • La famiglia Poggio di Brovida
  • La famiglia Viglietti di Brovida
  • La famiglia Viola da Cairo a Santa Giulia
  • Luigi Perin e i tre fratelli Risani
  • Nadia Perin a Sant’Antioco
  • Libretto di lavoro di Luigi Perin
  • Anno scolastico 1947/1948
  • Anno scolastico 1949/1950
  • Anno scolastico 1950/1951
  • La famiglia Artom
  • Achille Artom
  • Alma e Ida Fasciolo
  • Delfi Prampolini
  • Scuola di ricamo della Necchi
  • Processione della Madonna Pellegrina
  • Il ciclista Murialdo
  • Le famiglie di palazzo Dupanloup
  • La famiglia Maia
  • Fasciolo, insegnante di taglio
  • Lella e Lucia Fabbrizzi
  • Elsa Prampolini
  • Pupa Gallo
  • Amabile Giacomo Morello
  • Marna Rosangela Risani
  • Monica e Amina Ferracini
  • Il cimitero di Santa Giulia
  • Caduti di Dego
  • La famiglia Passarotto
  • La famiglia Tencalla
  • I Baccino detti Milord
  • La famiglia Ughes
  • La famiglia Busca
  • I Del Carretto di Ponti e Sessame
  • La famiglia Taro’
  • Agostino Carozzo
  • La famiglia Carozzo
  • La famiglia Cecchi
  • Gli Abbate diventano Abba
  • La famiglia Bormida
  • La famiglia Abba
  • La famiglia Perla
  • La famiglia Dellavalle
  • La famiglia Porrati
  • Rolando, Roverso, Mussolini
  • La famiglia Lambarino
  • Domenico Maria Pincetti
  • La famiglia Zunino
  • La famiglia Pincetti
  • La famiglia Chiarlone
  • I Carle della Funga
  • La famiglia Granata di Brovida
  • Bartolomeo Granata
  • Luigi Tirteo e Giuseppe Salsa
  • Maria Caviglia e gli Olivieri
  • Granat, nonna di Larina
  • Nicola Luigi Mirtillo
  • Bucharin e Lukina
  • La famiglia Ponzone
  • Dematteis del Lucco
  • Dematteis dei Benentini
  • Fiorina Sozzo in prigione
  • Giacomo Bonino sposa Tersilla Sozzo
  • I figli di Giacomo Bonino
  • Il soprannome di Stalin
  • La madre di Stalin
  • La famiglia Giordano
  • Parentele di Carlo Giuseppe Rodino
  • Astesiano di Rocchetta Cairo
  • I torbidi del 1797
  • Il saccheggio di Porcavio
  • La rivolta di Francesco Diverio
  • Il matrimonio di Francesco Diverio
  • Chi e’ Giuseppe Rodino?
  • Giuseppe Rodino e il benefattore Baccino
  • Giuseppe Rodino e il benefattore Bertolotti
  • La famiglia Coppa
  • La famiglia Bertolotti
  • Parenti del benefattore Baccino
  • La famiglia Satragno di Rocchetta
  • La famiglia Ferraro di Rocchetta
  • Ferraro in Inghilterra
  • Caterina Carolina Teresa Ferraro
  • La lettera di Delfina
  • Negrino di Dego
  • La famiglia Wright
  • Luigi Baccino e i Wright
  • Il dottor Jekyll e mister Hyde
  • Giuseppe Carlo Tranquillo Raimondo Olivieri
  • George Robert Stowe Mead
  • La famiglia Mead
  • George alias Demetrio Ulianov
  • Elena Blavatski
  • Elena e il suo cognome Gallo
  • Maria Adelaide Gallo
  • La famiglia Sanguinetti
  • La famiglia Sattamino
  • Amici della famiglia Verdese
  • La famiglia Verdese
  • La famiglia Bormioli
  • Tecla Beltrame
  • La famiglia Cravotto
  • La famiglia Donadeo
  • La famiglia Seghino
  • Il generale Duppelin

Fonte:
http://www.cairomontenotte.com/biblioteca/risani/camaleonti.html

Pubblichiamo alcuni passi del volume “La collina dei camaleonti”:

  • Il fiume Giordano
  • Tavola peutingeriana
  • Israele tra Tanaro e Scrivia

…………………..
pag.39 –
Il biblico mare Mediterraneo, “in mezzo alle terre”, sono le lagune formate dal fiume Po e dal fiume Tanaro, mentre il biblico mare Salato sono le acque salate del mare Ligure. La mappa geografica disposta con il sorgere del sole in alto, mostra la nascita del biblico fiume Giordano dalle cime del massiccio dell’Antola per poi seguire il corso del fiume Bormida .
La mappa geografica mostrata nella figura è disposta con il sorgere del sole in alto e riporta il bacino del fiume Bormida come biblico fiume Giordano che nasce dalle cime del massiccio dell’Antola per giungere nel biblico “mare” della Galilea (le lagune della pianura di Alessandria) e poi seguire il corso del fiume Bormida fino alla costa del biblico mare Salato (il mare Ligure).   
Pensare che tale fiume abbia la sua fine nel mare Salato (il mare Ligure) e non le sue sorgenti (che sono comunque uno dei due punti dove il fiume effettivamente finisce) è l’errore che si consolida nell’antica mappa romana chiamata “tavola peutingeriana” in cui tutto il territorio di Alba, Asti, Alessandria e Tortona appartiene al versante dove le acque non confluiscono nel fiume Po ma sfociano nel mare Ligure.
La clamorosa scoperta che l’antica Israele sono i territori tra il fiume Tanaro e il fiume Scrivia, in particolare quelli bagnati dal fiume Bormida, è la premessa essenziale per capire l’importanza di Cairo Montenotte, luogo centrale di questa geografia.
La quasi totale mancanza di notizie storiche riguardanti le popolazioni liguri nel periodo preromano è dunque spiegabile con il fatto che tutti gli avvenimenti biblici riguardanti Israele sono appunto la storia concreta del territorio ligure nei secoli prima della decisione di considerare tale storia biblica nei territori mediorientali che hanno certo una loro storia molto antica che non è però quella biblica.
Abramo, Giacobbe, Esaù, i dodici figli di Giacobbe, Giuseppe in Egitto (l’Egitto italico, non quello delle piramidi sul Nilo africano), l’esodo guidato da Mosè per tornare nelle Langhe, la conquista di Giosuè, le battaglie contro i Cananei, Sansone e Dalila, i Filistei, Samuele, Saul, Davide, Salomone, la scissione di Israele in Giuda e Samaria, fino ad arrivare ai tempi più recenti con l’epoca dei Maccabei sono tutti episodi, luoghi e personaggi
della Liguria preromana.
E’ anche la storia delle regioni circostanti che ovviamente è da rimettere in discussione svelando come Egiziani, Assiri, Babilonesi, Persiani e quanti altri citati nella Bibbia, siano concretamente il passato storico delle regioni italiche confinanti con la Liguria.

L’imponente lavoro di ricostruzione storica dei luoghi biblici e della centralità della penisola italica nella storia più remota viene svolto attualmente su Internet con aggiornamenti continui del sito presente a questo indirizzo:

http://www.cairomontenotte.com/abramo/index.html

In questo libro ci stiamo concentrando sull’importanza storica di Cairo Montenotte per cogliere i motivi per cui personaggi di fama mondiale abbiano vissuto sulle colline cairesi mantenendo l’anominato, nei panni talvolta di semplici contadini analfabeti, e gestendo una rete capillare di legami che li ha portati alla guida delle più famose rivoluzioni continentali, in particolare la rivoluzione russa e la seguente rivoluzione fascista.
Finita l’epoca dell’Antico Testamento manca poco agli episodi descritti nel Vangelo e prima che giunga l’epoca di Cristo è Caristo il nome del luogo che lascia filtrare la luce del passato biblico del territorio ligure.
La distruzione di Caristo (Carystum), capitale dei Liguri Statielli, viene descritta ampiamente in un libro di Vincenzo Malacarne scritto nel 1787, nella terza parte intitolata “Dello sterminio de’ Liguri Statiellati e della ruina di Caristo città principale de’ medesimi”. Quello che non viene detto nel libro di Malacarne e in ogni altro testo riguardante i Liguri Statielli è il legame diretto tra l’Apocalisse del Vangelo e tale sterminio che avvenne 173 anni prima della nascita ufficiale di Cristo.
Nel libro della Rivelazione, altresì chiamato libro dell’Apocalisse, viene citato con dovizia di particolari il “numero della bestia”: “… obbligò tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi, a farsi mettere un marchio sulla mano destra o sulla fronte.  Nessuno poteva comprare o vendere se non portava il marchio, cioè il nome della bestia o il numero che corrisponde al suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza, calcoli il numero della bestia, perché è un numero d’uomo; e il suo numero è seicentosessantasei”.
Nella figura è possibile vedere come le lettere latine STDL con cui vennero identificati i Liguri “Stadielli” corrispondano alle lettere ebraiche il cui valore numerico, usando la sintassi numerica romana, è il numero 666, il numero della bestia, il marchio con cui gli abitanti locali potevano comprare o vendere e partecipare dunque alla vita pubblica seguendo le regole imposte dal nuovo corso storico.
Quanto sapessero i Romani che la famosa Gerusalemme era sulla langa cairese ce lo dicono gli anni successivi in cui fu proprio Marco Aurelio Scauro che intraprese nel 109 avanti Cristo la costruzione della via “Emilia Scauri” il cui anagramma è “Caurisalime” così da farci pensare che la sua origine fosse legata a tali luoghi gerosolomitici valbormidesi.

…………………….

Poco prima della fine dell’ottavo secolo etrusco a cui si riferisce Lido abbiamo la “guerra sociale” detta anche “guerra italiana“ (quando con il termine Italia si intendeva la parte centromeridionale dell’attuale geografia italica). Da una parte Roma, dall’altra Marsi, Piceni, Sanniti, Marrucini, Vestigni, Peligni, Frentani, Pretuzi e Irpini. Rimangono fuori dal conflitto gli Etruschi e gli Umbri. La “guerra italiana” termina nell’88 avanti Cristo in cui termina l’ottavo secolo etrusco.
Nel medesimo 88 avanti Cristo inizia la “prima guerra mitridatica” tra Roma e il quasi sconosciuto, ma molto importante, regno del Ponto che vede protagoniste le regioni geografiche che oggi vengono localizzate tutte in Turchia ma che in realtà trovano la loro ottimale localizzazione geografica nelle regioni padane-balcaniche.E’ quasi totale la mancanza della geografia degli antichi abitatori della valle padana, nonostante la loro effettiva presenza nell’epoca romana. Una mancanza che non può che confermarci come l’antica loro geografia sia stata cancellata per essere spostata altrove.
Negli antichi testi greci la Turchia era una regione egiziana. Nel periplo di Scilace (anche se non è stato scritto da Scilace come alcuni studiosi affermano) si dice chiaramente che il fiume Istro (il fiume Danubio) sfocia davanti all’Egitto e dunque la Turchia faceva parte dell’Egitto. Con la fine di questo grande impero egiziano avviene una colonizzazione pari a quella degli Europei quando scoprirono l’America. Non esiste quasi più traccia degli antichi abitatori del territorio americano e quasi tutti i nomi sono duplicati dai nomi dei luoghi di partenza di tali popolazioni colonizzatrici.    Sto facendo questo esempio per spiegare come duemila anni fa avvenne qualcosa di simile e la duplicazione dei luoghi ha portato alla cancellazione dei luoghi originali. Una cancellazione voluta anche fortemente, per come in questo modo si possa pretendere il possesso di determinati luoghi rivendicando antichissime disposizioni geografiche.
Esiste quindi una nuova York (“New York”) ma se dovessimo trovare la vecchia York non dobbiamo cercarla in America. Allo stesso modo esiste oggi una nuova Gerusalemme, in Medioriente, ma non è quella originale del racconto biblico.
Quello che abbiamo visto essere, in un tempo passato assai lontano, l’occhio della divinità egizia Neith, l’occhio della biblica Eva, compare nel Vangelo come monte degli Ulivi, l’ebraico “BhRZYTYM” che ci mostra la tendenza, con la perdita del suffisso -YM indicante il plurale, a diventare il nome “Preizi” che oggi viene usato per definire tale monte della langa cairese da cui è possibile vedere il golfo di La Spezia.

Più in linea con il nome ebraico è il sottostante bric degli Erzi, l’ebraico hRZYTYM (“monte ulivi”), mentre lo stesso nome in lingua latina è quello che ritroviamo in una delle cime poco a destra chiamata Palmolari, la “palma olearia” che notoriamente sono sempre i medesimi ulivi.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata