Demon-056IL DIAVOLO

Il diavolo lo condusse in alto, e mostrandogli in un istante tutti i regni della terra, gli disse: “Ti darò tutta questa potenza e la gloria di questi regni, perché è stata messa nelle mie mani ed io la do a chi voglio. Se ti prostri davanti a me, tutto sarà tuo.”
(Lc 4,5-7)

In questo capitolo faremo la conoscenza delle forze che non vogliono permettere all’uomo di risvegliarsi a una nuova consapevolezza, in quanto preferiscono che egli continui a dormire servendo i loro scopi come un automa.

Abbandonerò dunque su queste righe le ultime vestigia della mia onorabilità agli occhi del mondo, nella previsione, e segreta speranza, che molti di coloro che per decenni mi hanno ritenuto un’individuo pressoché normale – e si sono perciò sentiti in diritto di offrirmi la loro purgante compagnia – da domani preferiranno consegnare la propria figlia ai nomadi del deserto piuttosto che ammettere pubblicamente di avermi mai conosciuto.

Ricordo che in questo libro si sta compiendo un’operazione di ricerca delle cause profonde di quanto accade oggi sulla Terra e non ci si preoccupa di compilare l’ennesima – seppur utile all’interno di un ristretto àmbito – illustrazione del procedere di fatti visibili nella materia, a cui storici e sociologi solitamente si dedicano.

Voglio dire che le ragioni storiche, sociali ed economiche che sono intervenute a creare la presente situazione planetaria non meritano in questa circostanza la nostra attenzione, in quanto già molti studiosi si stanno occupando egregiamente di tali aspetti, mentre ancora pochi si impegnano nella ricerca delle cause più nascoste – e quindi più rilevanti ai fini della comprensione – di quanto sta accadendo sul pianeta. Indagheremo i perché, e non più solo i come, della nostra attuale situazione.

Il rischio di un’esposizione cruda e sincera è che io non venga creduto se non da un piccolo numero di miei debitori, i quali sperano in tal modo, cioè fingendo di condividere ogni balzana teoria da me esposta, di rendersi più graditi ai miei occhi e magari indurmi a condonar loro il debito; mentre la totalità di coloro che non mi devono del denaro si guarderanno bene dal prendere in considerazione tali scelleratezze.

D’altronde se la cause vere di questa particolare situazione mondiale non risultassero incredibili agli occhi dei più, esse non conserverebbero il potere di continuare ad agire sommessamente e sortire i loro effetti.

Demon-055ANGELI E DIAVOLI

Cominciamo con una breve premessa di carattere filosofico utile a comprendere il significato del cosiddetto Male presente sul nostro pianeta.

Un giorno il Venerabile Reggitore di questo Sistema Solare volle creare uno spazio virtuale a scopo didattico, un vero e proprio pianeta-scuola all’interno del quale alle anime fosse consentito di evolvere sviluppando più consapevolezza.

Un ambiente dove un’anima potesse gradualmente accorgersi di esistere e costruirsi gli strumenti per incrementare la sua conoscenza del mondo.     Allora Egli mise in azione dei Ministri, cioè delle forze coscienti che predisponessero questo particolare pianeta. Tali forze costruttive portano in manifestazione la Sua idea, sono i messaggeri della Sua volontà: gli angeli (dal gr. angelos = messaggero).
Apriamo un inciso per dire che un “principio” o una “forza” sono degli esseri viventi coscienti, e non qualcosa di inanimato o astratto.

Non si deve infatti pensare che, ad esempio, la “forza di gravità” non sia un’entità cosciente; essa è rappresentata da una serie di esseri viventi emanati da Lui per manifestare questo aspetto della Sua intelligenza creativa. Se un pianeta gira intorno a una stella è perché “qualche intelligenza” opera affinché ciò possa accadere: fra il pianeta e la stella ci sono degli esseri intelligenti che organizzano le vibrazioni allo scopo di consentire a tale qualità divina di manifestarsi.

Lo stesso dicasi per ogni altra legge o principio, e in particolare per il “principio della d u a l it à”, il principio che consente la presa di coscienza delle anime. Vi sono quindi angeli appositamente incaricati di provvedere alla manifestazione del principio della dualità.

Il pianeta che gli angeli-messaggeri concepiscono per ordine del Creatore, allo scopo di permettere l’evoluzione della coscienza nelle anime, è un ambiente dove vige il principio della dualità, che si manifesta nelle coppie di opposti (io/gli altri, giusto/sbagliato, bene/male, bello/brutto, caldo/freddo, giorno/notte…). Il pianeta nel quale le creature sono soggette alla dualità è chiamato Terra.

Questo ambiente duale è una matrice energetica costituita da tre piani (fisico, emotivo, mentale) dove gli esseri viventi possono cogliere una dualità illusoria e divenire progressivamente più consapevoli di esistere. Se infatti un uomo non si sente separato dal resto del mondo non può individualizzarsi e prendere coscienza di sé.
Essendo tali angeli essi stessi dualità, traggono dalla propria sostanza la sostanza degli atomi che costituiscono i piani del pianeta.    La matrice (dal lat. matrix = utero) non è altro che il campo energetico di una “realtà virtuale immersiva” all’interno della quale ogni anima può edificare la propria personale realtà duale; essa è il campo formato dai tre piani della personalità del pianeta (fisico, emotivo, mentale), i quali sono infatti costruiti con una sostanza che è in sé stessa duale, cioè composta di atomi duali. Per tale motivo è impossibile all’uomo cogliere l’Amore assoluto, che è sintesi – Unità – fino a quando rimane identificato con una personalità duale che appartiene al pianeta.

Demon-057L’ambiente duale è detto illusorio in quanto nessuna contrapposizione può mai esistere di per sé; stiamo infatti parlando di coscienze che nascono nell’Uno per volontà dell’Uno, e non c’è mai stata, né potrebbe esserci, alcuna reale scissione.

Vivere all’interno della matrice formata dai tre piani procura però un’allucinazione consensuale che fa temporaneamente credere alle anime di essere separate le une dalle altre e ognuna dall’universo; ma, ribadisco, questo non è realmente possibile, perché l’esistenza è sempre solo Una.
Gli angeli relativamente alla nostra manifestazione svolgono dunque la funzione di diavoli, creano cioè la falsa divisione (dal gr. diabolos = colui che divide, colui che getta [ballein] differenza [dia]).

L’angelo svolge il mestiere di diavolo (=creatore di separatività), ma rimane sempre un angelo, un messaggero che manifesta delle forze cosmiche restando costantemente al servizio del Superiore.     Fino a qui quello del diavolo è quindi un compito previsto e indispensabile.

Lucifero è, si dice, il migliore fra essi, il Suo preferito, egli è il lucis – ferum = il portatore di luce, cioè colui che permette la luce della consapevolezza grazie alla dualità; eppure proprio lui guida la ribellione.   La ribellione deve accadere in quanto il Venerabile Reggitore per poter divenire consapevole di sé deve fare in modo che una parte di sé, una parte che Gli è massimamente cara – Lucifero, appunto – si illuda di potere separarsi, allo scopo di creare il necessario attrito nella manifestazione.

Il Male non può essere altro che una parte del Bene che si illude di separarsi da esso, di poterlo combattere esprimendo così il suo libero arbitrio e provocando una salutare “frizione”. Dobbiamo rendere omaggio al Male se oggi possiamo essere consapevoli.
Il termine diavolo deve essere una volta per tutte spogliato di ogni fuorviante significato ecclesiastico-morale.     La nera figura con la coda e con le corna (simbolo di dualità e quindi falsità) simboleggia unicamente un’entità capace di manifestare la dualità dell’esistenza, un processo scientifico indispensabile al fenomeno della coscienza.

Il diavolo non è cattivo, nel senso in cui lo intendiamo noi, è semplicemente duale.     Fa il suo dovere.

La Terra è un’anima, un essere consapevole – a un livello evolutivo superiore a quello umano, e per noi inimmaginabile – che evolve, ed è costituito da tre piani. I frammenti dell’Uno – le anime – precipitando in questo ambiente duale vestono tre gusci – il corpo fisico, il corpo emotivo e il corpo mentale – utilizzando il materiale duale che trovano nei tre piani del pianeta.

Tali involucri duali consentono alle anime di cogliere una realtà separata da sé e di divenire così sempre più consapevoli di esistere e sempre più capaci di conoscere la Bellezza insita nell’universo. La percezione di un “esterno a sé”, di un “altro da sé” consente di prendere di riflesso sempre più coscienza di sé.      E’ un conoscersi in negativo.

LA RIBELLIONE

Il gioco funziona alla perfezione – è divinamente geniale – senonchè a un certo punto i diavoli, o angeli, si rendono conto che, essendo stati loro a edificare la matrice energetica duale che permette la manifestazione (la Terra), essi ne hanno anche il completo controllo.    Sono i signori incontrastati della dualità, per cui possono manipolare i tre corpi duali (fisico, emotivo, mentale) di un qualunque organismo terrestre.

Demon-054Possono esercitare la loro influenza sui tre piani della Terra e di conseguenza possono farlo sui tre corpi duali dell’uomo.
Accade quindi che alcuni di tali angeli guidati da Lucifero « cadono »: essi restano abbagliati dal potere che è stato loro concesso, affascinati dalla possibilità di assoggettare totalmente un ambiente e ricavare da questo l’energia necessaria alla sopravvivenza, rendendosi così indipendenti dal loro Creatore.
“…perché è stata messa nelle mie mani ed io la do a chi voglio.”

Il Creatore è colui che concede la vita, ma è anche colui che può toglierla.    Tutti gli esseri viventi vanno soggetti a tale legge.    Nessun uomo, così come nessun angelo, può sapere quanta vita gli verrà ancora concessa.

Gli esseri viventi non hanno il controllo sulla loro vita; ne possono godere e possono evolvere all’interno di essa, ma solo il Venerabile ne dispone a suo piacimento.
Gli angeli « cadono » nel momento in cui intravedono la possibilità di rendersi indipendenti dalla volontà del Creatore tagliando ogni collegamento con Lui – che è la fonte primordiale di Vita – per iniziare a ricavare l’energia necessaria alla loro sopravvivenza dall’ambiente terrestre.

Detto con un’espressione comune: vogliono “mettersi in proprio”.     Essi vogliono poter decidere autonomamente quanto e come vivere.
Il loro progetto è molto più ambizioso di quanto non sembri, perché per riuscire nel loro intento devono sovvertire il Piano evolutivo creando un’interferenza nella corrente della Vita; una regione dell’universo – la Terra – dove la corrente evolutiva non possa transitare; un luogo di stasi dove le creature non tendono più spontaneamente verso l’Unità; un ambiente vibratoriamente in opposizione alla Sua Volontà nel quale la dualità può regnare sovrana e l’evoluzione collassa.

In questo anti-universo loro possono nutrirsi dell’energia riciclata dagli essere umani tenuti in uno stato di schiavitù inconsapevole, senza doverla ricevere direttamente dal Venerabile Reggitore.     Vivono così nell’illusione di essere divenuti indipendenti da Lui e capaci di poter decidere autonomamente della propria vita.

L’uomo spesso dimentica che se esiste è perchè serve a qualcuno, esattamente come ogni altro essere nell’universo.    E’ un anello che occupa una ben precisa posizione all’interno di una catena evolutiva: mangia creature che stanno più in basso ed è mangiato da creature che stanno più in alto.

Il fatto che lui creda di essere la creatura posizionata più in alto, e che quindi nessuno possa usarlo come cibo, è una convinzione solo sua, e non, evidentemente, delle creature che stanno più in alto di lui, le quali in realtà lo usano come lui usa i maiali da allevamento.
Il Venerabile Reggitore di questo Sistema Solare ha voluto l’uomo perchè producesse cibo, cioè energia, che è utile per la Sua evoluzione, cioè per portare a compimento il Suo piano evolutivo. Ma l’uomo nella sua condizione di addormentamento non produce la qualità di energia utile agli imperscrutabili scopi del Venerabile, ne produce invece una di qualità decisamente più bassa – con una frequenza vibratoria più lenta – che viene utilizzata come cibo dalle entità diaboliche.

L’uomo che vive inconsapevolmente viene usato come un maiale da allevamento dalle schiere di Lucifero e morendo inconsapevolmente la sua coscienza svanisce per sempre.
L’uomo che durante la vita lavora per risvegliarsi produce invece un’energia che serve scopi più grandi di lui e per lui inconcepibili. Inoltre, e non è certo cosa da poco, lavorando su di sé ha la possibilità di divenire più consapevole, accedere a una nuova dimensione di coscienza e creare un corpo per la sua anima all’interno del quale egli sopravviverà coscientemente alla sua morte fisica.         Egli è cibo alla pari di ogni altra creatura, ma è l’unica creatura che può scegliere per CHI essere cibo e ricavarne enormi vantaggi personali.

IL SALTO VIBRAZIONALE

Per ottenere questa fantomatica indipendenza dal loro Creatore gli angeli caduti hanno intenzione di sfruttare a loro vantaggio il particolare momento evolutivo che sta interessando il pianeta Terra.

Demon-050È solo un piccolo pianeta fra milioni di altri, ma si trova al termine di un ciclo evolutivo e sta per effettuare un balzo quantico. La Terra è un sistema energetico che sta per entrare in una vibrazione superiore corrispondente a un nuovo livello di consapevolezza, e ciò consente a tutto il Sistema Solare – l’organismo più grande di cui noi siamo un importante centro energetico – di raggiungere un nuovo equilibrio e compiere un passo nell’evoluzione della sua coscienza.

Questo è il passaggio dall’« Eone di Osiride », o Era dei Pesci, all’« Eone di Horus », o Era dell’Acquario.

Come tutto nell’universo, anche il nostro pianeta è costituito di vibrazioni energetiche. La frequenza complessiva che lo caratterizza è detta “frequenza Schumann” o “Risonanza di cavità Schumann” dal nome del fisico tedesco che la misurò per primo nel 1898: a quell’epoca l’energia emessa dalla Terra era di 7,8 Hertz o cicli secondo. Sino alla fine degli anni ’70 la frequenza Schumann rimase invariata, o comunque è cresciuta in maniera così lenta da non poter essere percepita dalle strumentazioni disponibili.

Ma da quegli anni a oggi essa è cresciuta molto più rapidamente: intorno al 1985/86 tale frequenza era passata da 7,8 a 8,6. Oggi (2002) siamo a 11,9 cicli al secondo, e continua a salire. Pare che a 13 cicli al secondo avvengano delle modificazioni a livello molecolare e la materia cambi di stato.

L’aumento della Risonanza di cavità Schumann è “accompagnato” da un altro fenomeno: la diminuzione del campo magnetico terrestre.     Il nostro pianeta è un enorme magnete avente una moltitudine di livelli che ruotano per formare un campo magnetico.

L’intensità della densità del campo magnetico è proporzionale alla velocità di rotazione del pianeta. Tanto tempo fa, all’incirca duemila anni fa, l’intensità del campo magnetico terrestre raggiunse il suo apice, ma da allora essa è sempre diminuita, man mano che la Terra rallentava la sua velocità di rotazione.     Attualmente il campo magnetico terrestre ha raggiunto una flessione pari al 50 per cento se comparato a quello di 1.500 anni fa.
Secondo il geologo Gregg Braden il culmine della trasformazione potrà essere raggiunto quando la risonanza magnetica toccherà i 13 cicli al secondo e il campo magnetico terrestre potrebbe addirittura assestarsi attorno allo zero.

Egli sostiene che per alcuni giorni la Terra smetterà di ruotare e poi inizierà a farlo in senso opposto. Se il pianeta smetterà temporaneamente di ruotare avrà una metà illuminata e l’altra metà al buio, e questo fenomeno non sarebbe la prima volta che accade, è stato già descritto migliaia di anni fa dagli antichi.   Gli indiani Hopi dell’Arizona lo hanno registrato: “il giorno in cui il sole sorse due volte da due diverse direzioni nello stesso giorno, il giorno più lungo”.    E’ successo e sono sopravvissuti a questa esperienza.
Quando la Terra inizierà a ruotare in senso opposto muterà direzione anche il suo flusso elettrico, e quindi si invertiranno i poli.    Questo processo lo si può osservare in una barra di ferro quando il flusso di elettricità che la attraversa viene invertito: si ha l’inversione dei poli.

Si avrà l’impressione che il tempo scorra più velocemente man mano che ci si avvicina al culmine del processo: un giorno di 24 ore apparirà come un giorno della durata di circa 16 ore o meno.     Questo “Passaggio delle Ere” è stato predetto da antiche popolazioni.      Nel passato ci sono stati molti passaggi fondamentali come quello che stiamo per vivere, incluso quello che avviene ogni 13.000 anni, cioè a metà del movimento di Precessione dell’Equinozio (26000 anni circa).

La dualità – il diabolos, il cosìddetto male – accompagna senza sosta la creazione perché ne è una componente fondamentale: attraverso il male si realizza « in negativo » la consapevolezza del bene.
Esso però, desiderando una propria autonomia, uno svincolo dal limitante ruolo di “strumento del bene”, ha deciso di intervenire in modo massiccio sulla Terra, la cui frequenza vibratoria è prossima a effettuare un balzo quantico – e quindi attraversa una fase di instabilità – allo scopo di frenare la corsa evolutiva di quanti più individui gli è possibile.

Demon-051Questo tentativo di frenare crea attrito, ma l’attrito a sua volta incrementa la consapevolezza, perché la consapevolezza nasce proprio dalla frizione che si crea nell’ostacolare il flusso, altrimenti inconsapevole, della Vita.      Quindi, nel tentativo di frenarci, gli esseri diabolici da una parte raggiungono il loro scopo facendo cadere in un vortice involutivo chi non è ancora pronto per un cambio di coscienza, dall’altro però accelerano il passaggio a un livello superiore di quelle anime che sono già pronte per compierlo.

Più la situazione è difficile, più essa diventa per alcuni un’occasione evolutiva e per altri un’occasione di « perdizione ».

Fare in modo che gran parte dell’umanità non passi su un nuovo livello di consapevolezza rappresenta per loro un progetto di importanza vitale, in quanto la loro stessa esistenza dipende dal riuscire a tenere in vita un ambiente dove le creature non cercano più l’Unità, ma rimangono in un sonno ipnotico in cui si sentono soddisfatte della separazione, della dualità, emettendo emozioni basse (rabbia, odio, paura, senso di inadeguatezza, gelosia…) che fungono da cibo energetico per queste entità.

A livello assoluto le possibilità di successo di tale piano sono nulle, in quanto il male stesso è sempre solo una componente interna del bene, e a lui non può opporsi se non in maniera relativa e per un tempo relativo.     Il male può solo illudersi di opporsi per un tempo limitato, ma non ha alcuna speranza di riuscita a livello universale. Relativamente alla nostra coscienza però le conseguenze possono essere gravi, in quanto il desiderio stesso di raggiungere un obiettivo operando in senso inverso alla creazione comporta di per sé la possibilità di determinare uno stato di notevole disordine.
Dal punto di vista della coscienza cosmica si tratta di un istante di smarrimento, un piccolo vortice involutivo nell’infinito fiume della Vita, un circoscritto tentativo senza alcuna speranza… e il problema in sé non sussiste.

Ma dal punto di vista della coscienza umana e della sua sfera temporale siamo di fronte alla possibilità che miliardi di anime – quelle più giovani e quindi meno pronte al balzo quantico – rimangano intrappolate nell’illusione duale e debbano subire milioni di anni di « perdizione », cioè di ritardo evolutivo.
Quei servi che il padrone al suo ritorno non troverà svegli potrebbero andare incontro a qualche guaio.     Vigilate dunque, poiché non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino, perché non giunga all’improvviso, trovandovi addormentati.

Detto in altre parole, gli uomini che al momento del balzo quantico terrestre non avranno ancora compiuto un ben preciso mutamento nella propria frequenza vibratoria – che non si saranno sufficientemente risvegliati alla propria anima – non riusciranno a seguire il pianeta quando questo assumerà la sua nuova frequenza vibratoria.      Essi non saranno in sintonia con lo stato di coscienza della Nuova Terra e rimarranno allora ancorati all’attuale sfera materiale della Terra in balia delle forze della dualità, perché si troveranno in sintonia proprio con queste ultime.

Le frequenze di chi sarà ancora polarizzato nella coscienza della personalità, cioè nel suo ego separativo, non entreranno in simpatia con le frequenze più elevate del pianeta.      Avverrà un naturale processo fisico di selezione, e non certo una scelta divina fondata su principi morali di giusto/sbagliato bene/male.
Milioni di anime abbandoneranno il corpo già nei prossimi anni (per epidemie, omicidi, guerre) in quanto incapaci di reggere una vibrazione sempre più alta, e molte altre lo faranno in prossimità del balzo vero e proprio.

Demon-052Tali anime non potranno più incarnarsi sulla Nuova Terra, perchè non sarebbero in grado di costruire corpi adatti a manifestarsi a quel livello vibratorio, dovranno quindi proseguire la loro evoluzione sulla ‘vecchia Terra’, accolti fra le calde braccia degli esseri duali.
Stiamo parlando di una lunga fase di schiavitù dell’anima a vantaggio di forze involutive per noi inimmaginabili, che mirano allo sfruttamento totale della nostra energia animica per i loro personali scopi di sopravvivenza e ribellione.

Sono entità che cercano un confronto con Lui, che hanno acceso una battaglia nella quale noi siamo pedine, sistemi energetici da convertire a loro vantaggio.    Vogliono fare del nostro pianeta una zona di « ristagno energetico » abitata da semi-zombie dove la corrente evolutiva non ha più accesso, dove cioè gli individui vengono tenuti a una frequenza vibratoria minima di sopravvivenza che non consente loro di evolversi, ma solo di reagire meccanicamente a stimoli esterni controllati.

Noi non rivestiamo per loro il benchè minimo valore in quanto esseri viventi in evoluzione, per loro noi siamo energia da intrappolare e utilizzare.
Non potranno impedire l’inevitabile mutamento di frequenza vibratoria del pianeta dovuto all’entrata nell’Eone di Horus, ma possono operare per ‘catturare’ e tenere assoggettate quante più anime possono e far sì che quando una parte dell’umanità si sposterà su un’altra frequenza, la maggior parte resti invece sulla frequenza attuale, sotto il loro dominio, ad assicurare loro il nutrimento.

In quella notte due si troveranno in un solo letto, l’uno verrà preso e l’altro lasciato; due donne staranno a macinare nello stesso luogo, l’una verrà presa e l’altra lasciata.

CIBO PER DIAVOLI

Per ottenere l’assoggettamento delle anime gli angeli caduti diffondono sulla Terra delle forme pensiero separative che trattengono l’uomo all’interno della dualità. Continuando a pensare in maniera duale e saparativa (io/gli altri giusto/sbagliato bello/brutto) l’uomo produce inconsapevolmente l’energia necessaria ai suoi controllori per rafforzare il loro potere.

La paura, l’odio, la rabbia, la gelosia, la depressione e tutte le emozioni negative in genere, trasformano l’energia animica, l’energia dell’Uno che scorre dentro di noi, in “materiale commestibile” per le forze oscure.
Noi usiamo quotidianamente l’energia della Vita che è in noi per produrre una qualità di energia vibratoriamente più bassa che consente loro di nutrirsi.
Chi pensa che “Matrix” sia solo un film di fantascienza e non un resoconto di come si svolge la vita su questo pianeta, non ha ancora aperto gli occhi sulla realtà che lo circonda.

Lo stesso processo di trasformazione vibratoria viene messo in atto quando siamo prigionieri della competitività, del senso del possesso, del desiderio di vendetta, dell’invidia, del senso di colpa, del senso di impotenza, di ogni contrapposizione orizzontale giusto/sbagliato, e quindi ogni volta che ci schieriamo in favore di qualcuno o di qualche idea giudicando sbagliata la fazione opposta.     Ognuno di questi atteggiamenti mentali ed emotivi presuppone, e quindi alimenta, il senso di separazione, si muove cioè nella direzione inversa a quella dell’evoluzione – che invece mira alla sintesi e all’Unità.

Ognuno di questi atteggiamenti è nel vero senso del termine « diabolico », cioè falso e duale, e ci costringe a restare prigionieri di tali forze.

Il razionale, equilibrato e scientifico uomo del XXI secolo incontra qualche seria difficoltà nel credere che su questo globo idilliaco possano esistere dei diavoli, cioè degli esseri che si occupano di alimentare la dualità e far sentire l’uomo separato dalla Vita Una.      Per scacciare questa scomoda presenza si è inventato che il diavolo è una proiezione del subconscio, un archetipo dell’umanità, qualcosa, insomma, che non ha esistenza reale e reale potere di nuocere.

Non si accorge, questo razionale uomo del XXI secolo, che così facendo cancella con un solo gesto la millenaria tradizione, presente in tutte le culture e in tutte le religioni, che ha sempre trattato di demoni e diavoli come entità reali e pericolose, e ha riportato innumerevoli episodi di uomini da essi ingannati o posseduti. Egli, rifiutando questo argomento, implicitamente afferma che gli uomini che lo hanno preceduto erano degli stupidi, visionari, superstiziosi e suggestionabili, e che gli episodi del Vangelo, per citare una scrittura più vicina alla nostra cultura, sono solo rappresentazioni “simboliche”.
E’ oramai pratica d’uso comune considerare “simbolici” quei riferimenti culturali che mettono in dubbio gli schemi di interpretazione dell’esistenza che si fermano all’apparenza delle cose.

Tutto ciò che va oltre la mera materialità diventa “simbolico” e può così essere accantonato senza troppi danni alle marmoree coscienze degli studiosi moderni. Di fronte all’inconsueto, all’extra-ordinario essi, anziché compiere l’immane sforzo creativo di ipotizzare l’azione di un differente piano di realtà sul nostro, riducono automaticamente ogni episodio a una rappresentazione simbolica dell’unico piano che hanno conosciuto fino a oggi.      Il diavolo diventa allora “la parte maligna e tentatrice della psiche umana”, perdendo così la sua dignità di essere cosciente!

Demon-059Povero diavolo! In verità nel Vangelo, come in ogni altra scrittura sacra, tutto possiede sia una valenza simbolica che un corrispettivo reale, e non si vede perché l’uno debba escludere l’altro. Anche nell’opera sacra “I racconti di Belzebù a suo nipote” di George Ivanovitch Gurdjieff, ogni episodio è reale, sebbene contenga anche la possibilità di interpretazioni simboliche, e in questo caso persino molti dei suoi stessi allievi si sono lasciati ingannare.

Possiamo quindi confermare ciò che era già stato detto da personaggi ben più illustri di noi: la più grande astuzia del diavolo è quella di far credere che non esiste.       Affogare nel ridicolo e tacciare di esaltazione visionaria chi “negli anni duemila ancora crede al diavolo” è uno dei metodi messi in atto per tenere sotto controllo le masse.         E l’aspetto più interessante di questa situazione sta proprio nel fatto che oggi chi parla del diavolo è in effetti nella quasi totalità dei casi un fanatico religioso, un mistico visionario o più semplicemente una persona disturbata.

Paradossalmente molti di questi strani personaggi (mistici, esoteristi o religiosi) sono in verità strumenti inconsapevoli – psichicamente manovrati – di quelle stesse forze contro cui si scagliano, e la loro involontaria funzione è proprio quella di gettare discredito sull’argomento con la loro ridicola o inquietante presenza, affinchè tale argomento venga ritenuto tabù dagli studiosi seri e intellettualmente più dotati, cioè proprio da coloro che potrebbero costruire una più efficace opera di divulgazione e di lotta contro quelle entità.

Le “schiere di diavoli” di memoria biblica dunque esistono, sono terribilmente reali e presenti, sono in mezzo a noi tutti i giorni e talvolta posseggono molti di noi, potrebbero cioè occupare e influenzare temporaneamente quegli apparati psicofisici sui quali l’anima non è ancora riuscita a ottenere un buon controllo, manovrando quegli individui che non si sono ancora risvegliati all’anima e che quindi provano quelle emozioni e di quei comportamenti separativi che attraggono queste forze.

L’abitudine a emozioni negative pesanti come l’odio o la depressione con tendenze suicide creano dei veri e propri « buchi vibratori » nei corpi della personalità, cioè emissioni di frequenze estremamente basse che calamitano entità diaboliche.

Ecco allora l’improvviso furore omicida, la strage compiuta dall'”inquilino della porta accanto”, gli attentati terroristici.
Sono esemplari i signori o le signore apparentemente tranquilli che in un improvviso raptus di violenza sterminano l’intera famiglia o i colleghi d’ufficio, così come i giovani che pianificano ed eseguono con freddezza l’omicidio dei genitori o dei compagni di classe, o il giovane che uccide la sua compagna “per amore”, oppure gli attentatori che seminano bombe convinti di fare cosa gradita al loro Dio e non si accorgono di essere già stati accolti fra le calde braccia del diavolo. “Non è possibile che io abbia fatto una cosa del genere.

Non ero io” dice il ragazzo che ha sparato ai suoi genitori.     Niente di più vero… non era lui!
Una casa senza padrone viene occupata dal primo profittatore che le passa accanto e che si accorge di un buco nel muro. L’uomo che non si risveglia è una “casa libera”!

VENDERE L’ANIMA AL DIAVOLO

Come vengono diffuse le forme pensiero separative dal piano sottile?     Dove si trovano le entità duali al nostro piano fisico?    Alcuni uomini in cambio di denaro e potere “vendono l’anima al diavolo”.

Decidere coscientemente di vendere l’anima al diavolo non è come diventare temporaneamente ospiti di una forza diabolica che si impossessa di noi e ci fa compiere atti criminosi – cosa che accade molto più spesso di quanto crediamo – ma significa essere tanto schiavi dei desideri materiali da voler in loro nome destinare la propria esistenza a lavorare coscientemente per le forze oscure della dualità.

Ciò può esser fatto a diversi livelli: si va da coloro che si votano al male per soddisfare piccoli desideri personali, fino a coloro che fanno parte di una oligarchia planetaria, una cerchia di persone in contatto fra loro che accentra su di sé un enorme potere.      Coloro che sono conosciuti come gli Illuminati. “Vendere l’anima al diavolo” significa essere così abbacinati dal desiderio di gratificazione materiale da giungere a rompere in modo definitivo il legame tra personalità e anima.

Demon-058Non si tratta più di essere polarizzati nella personalità e schiavi dei desideri materiali – il che, per ragioni evolutive, ci riguarda ancora tutti – ma di qualcosa di molto più grave: essere tanto convinti che tutto ciò che si chiama esistenza sia confinato all’attuale incarnazione materiale e che nell’uomo non esista alcuna interiorità permanente, da decidere di consacrare, o meglio, « dissacrare » sé stessi alle forze della dualità in cambio di piaceri materiali, potere, fama e una vita più lunga.

Allora, se il desiderio è tanto forte da impedire ormai un qualsiasi contatto con la voce dell’anima, è possibile recidere in maniera irreversibile ogni collegamento con essa.    Si realizza ciò per mezzo di riti occulti durante i quali vengono adottate particolari tecniche.     Ma più che le tecniche, ciò che consente la riuscita della separazione della personalità dall’anima è la ferma e irrefrenabile v o l o n t à dell’individuo di votarsi definitivamente al Male.

A distacco avvenuto la personalità rimane comunque in vita in quanto in essa viene trattenuto il minimo indispensabile per continuare a interagire con l’illusione materiale: la Vita continua a passare attraverso di lei, e continuano ad agire il principio coesivo, che mantiene la forma dei corpi, e il principio cosciente, limitato però alla coscienza separativa dell’ego.       L’anima – in quanto essere divino ospite di un corpo – invece si ritira sul suo piano e se vorrà tornare in incarnazione nella dualità, dovrà costruirsi dei nuovi corpi, perché questi si sono rivoltati contro di essa e hanno interrotto le comunicazioni.

Ciò che è rimasto di quello che era un uomo, e cioè i suoi gusci esterni, continua a vagare sulla Terra in uno stato molto simile – anche se non proprio uguale – a quello degli zombie.    E’, e resterà, incapace di provare alcuna emozione elevata: amore (se non nel senso di “desiderare possedere un oggetto”), amicizia, compassione, affetto, gioia, empatia non potranno più essere da lui sentite né riconosciute all’esterno.

Potrà provare solo un genere di piacere relativo ai suoi corpi e alla soddisfazione dei loro desideri, oppure capire con una mente fredda che due persone si stanno amando ma non avere nessuna percezione interiore di cosa ciò significhi.

Fonte:  http://www.menphis75.com/origine_della_trappola.htm

Demon-053

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata